La crepa

Ma come si supera la barriera della segreteria per parlare con chi decide?

Riprendiamo la telefonata tipo di Francesco Crispi* per ottenere un appuntamento commerciale.

“Buongiorno, sono Francesco Crispi* della Ass srl*, vorrei parlare con il titolare…”

Segreteria: “Per cosa?”
“Per presentare i nostri ultimi prodotti e proporre un incontro...”
“Bene, ci mandi un’email a questo indirizzo…”
Il muro è alzato

Abbiamo già individuato due errori nell’impostazione di questa chiamata:
Si chiede genericamente del titolare di cui si ignorano evidentemente nome e cognome: grave errore.
L’oggetto della chiamata: generico e inconcludente, la risposta non potrà che essere “ci mandi un’email”

mick-haupt-7Kv1Elbagcc-unsplash.jpg

Il terzo errore, dunque.

Fate attenzione alla presentazione.

Concordate insieme all’azienda committente la qualifica che potete usare per presentarvi.
Anche qui, dire semplicemente “Buongiorno, sono Francesco Crispi* della Ass srl* non va bene.
Individuate la qualifica più appropriata per aumentare la vostra capacità di ottenere ascolto e fiducia.

Quando avrete ben chiari i primi due punti, il terzo verrà da sé.

Il muro è sfondato?
No, non ancora, questi tre aspetti vanno curati in modo maniacale, sono indispensabili ma non sufficienti per sfondare il muro.
Ma una crepa è possibile aprirla

*Nomi di fantasia

#Explico #Telemarketing